La storia della Cicli Campioli inizia nel maggio del 1945 grazie all'intraprendenza del suo fondatore Iseo, insieme al fratello minore Franco. Ubicata inizialmente in un casolare in località Case Secchia di Casalgrande, nell'ottobre 1949 la ditta si trasferisce nel centro del paese di Salvaterra all’interno di un residuato militare tedesco di 10 mq posto nell'angolo di un cortile.

Nel 1951 viene acquistata una baracca di legno usata per il pedaggio sul ponte di barche del fiume Po, che risulta più confacente alle sempre più crescenti esigenze lavorative della ditta, nella quale in quel momento operano tre addetti. Nel 1954 l'espansione della ditta porta a una nuova trasformazione: la costruzione di un capannone in muratura, sempre nella stessa sede, avveniristico per il periodo, che la ditta occuperà fino al 1964, data in cui avviene il trasferimento nella sede attuale di 300 mq.

La Cicli Campioli subisce l'ultima e definitiva trasformazione nel 1980 con l'uscita del fratello minore del fondatore Iseo e l'ingresso dei figli di quest'ultimo, Mauro e Sergio, assumendo l'attuale denominazione. Con l'acquisizione di macchinari e attrezzature moderne, la ditta si è posta all'avanguardia nel settore, essendo sempre proiettata alla ricerca di spazi confacenti alle crescenti domande di una clientela in costante crescita.

The history of Cicli Campioli begins in May 1945 thanks to the initiative of its founder Iseo, together with his younger brother Franco. Initially located in a cottage in Case Secchia di Casalgrande, in October 1949 the company moved to the center of the town of Salvaterra within a 10-square-meter German military remnant located in the corner of a courtyard.

In 1951 a wooden shed was purchased, used for tolls on the pontoon bridge of the river Po, which is more suited to the ever-increasing working needs of the company, in which three employees work at that time. In 1954 the expansion of the company led to a new transformation: the construction of a brick shed, always in the same location, futuristic for the period, which the company will occupy until 1964, when the 300 sqm.

The Cicli Campioli undergoes the last and definitive transformation in 1980 with the exit of the younger brother of the founder Iseo and the entry of the latter's sons, Mauro and Sergio, taking on the current name. With the acquisition of modern machinery and equipment, the company has placed itself at the forefront of the sector, always being projected to search for spaces suitable for the growing demands of a constantly growing clientele.